Adamello - 3.539 m
Itinerario di sci alpinismo nel Gruppo Adamello - Presanella
Rifugio Ai Caduti dell'Adamello
Punto di partenza:   cabinovia Passo Tonale Passo Paradiso 2.940 m
Orientamento:   sud-ovest-nord-est
Difficoltà sciistica:   alta
Difficoltà alpinistica:   nessuna
Pericolo valanghe:   moderato
Dislivello:   in salita circa 1.400 m, in discesa circa 3.000 m
Tempo di salita:   1° giorno 2 ore e 30 minuti - 2° giorno 4 ore e 30 minuti
Accesso stradale:   Trento, Val di Sole, Vermiglio, Passo Tonale, stazione a valle della cabinovia Passo Paradiso
Cartografia:   4Land 126 Val di Sole 1:25.000
Tabacco Adamello-Presanella 1:25.000 (foglio 52)
Tabacco Brenta Adamello-Presanella Val di Sole 1:50.000 (foglio 10)
Punto d'appoggio:   Rifugio Città di Trento al Mandrone 2.449 m e Rifugio Lobbia Alta 3.020 m, aperti da metà marzo a metà maggio

SALITA

Saliamo brevemente alla Bocchetta degli Sciatori, 2.980 m, da cui scendiamo al Rifugio Città di Trento al Mandrone, 2.449 m. Lasciamo il rifugio sulla sinistra per portarci in piano verso destra e poi a sinistra sulla Vedretta del Mandrone. Lungo la stessa, salendo in diagonale a sinistra, arriviamo al Rifugio Lobbia Alta. Da qui scendiamo in obliquo verso sinistra e, sotto la Cresta Croce, scendiamo ancora per 50 m (dislivello) sul ghiacciaio. Ora proseguiamo in direzione della cresta est del Corno Bianco, fino a 3.110 m di quota. Scendiamo poi a sinistra in una depressione e proseguiamo salendo a destra nella piana successiva. La percorriamo in direzione ovest fin davanti a una forcella, 3.320 m. Prima della stessa risaliamo a destra l’erto pendio e poi, procedendo in diagonale a destra su terreno in moderata pendenza, arriviamo alla vetta con croce.

 

DISCESA E SALITA AL PASSO VENEZIA 3.226 m

Torniamo indietro fin sotto la cresta est del Corno Bianco e, dietro la stessa, scendiamo per un tratto fino a 3.020 m. Qui ripelliamo e in piano, dapprima verso sinistra e poi verso destra, andiamo in direzione di Cima Garibaldi. Passando su un dorso ci portiamo ai piedi di Cima Venerocolo; da qui entriamo in una depressione sulla destra e saliamo poi verso sinistra in forte pendenza al Passo Venezia, 3.226 m.

 

DISCESA A PONTE DI LEGNO

Solo in condizioni di buona visibilità e di neve sicura. Dal Passo Venezia andiamo dritti in direzione nord, scendendo per la vedretta del Pisgana. Nel punto dove il terreno si fa ripido, stando un po’ a destra, entriamo in una piana. La attraversiamo fino alla successiva erta, la discendiamo lungo un ripido avvallamento e arriviamo nel successivo pianoro. Lo lasciamo dal margine sinistro e, superata una breve erta, ci portiamo in Val Narcanello. Procediamo nella stessa e traversiamo poi in diagonale, passando per conoidi di valanga, fino al bosco; da qui scendiamo alla pista da sci. La seguiamo fino a Ponte di Legno, oppure, in primavera, fino a uno skilift. Saliamo con lo stesso e scendiamo per la pista fino a Ponte di Legno. Da Ponte di Legno si può andare al Passo Tonale usando gli impianti di risalita.

 

*

Descrizione itinerario e cartina a cura di Ed. Tappeiner - Sci alpinismo nel Trentino, Ulrich Kössler - Ed. 2014

 



social
facebook twitter youtube flickr google+ istagram *


AZIENDA PER IL TURISMO DELLE VALLI DI SOLE, PEIO E RABBI
I - Via Marconi 7 - 38027 Malè - TN - Tel. +39.0463.901280 - Fax +39.0463.901563 - P.IVA: 01850960228 - SDI: M5UXCR1
Privacy & Copyright - Modello 231 - Area operatori

facebook twitter youTube flickr google+ instagram