Laghetto d’Albiolo Superiore
Gruppo Cevedale, Redival-Boai

Quota slm: 2.743 m
Localizzazione: Passo Tonale
Bacino idrografico: Noce, Rio Val Montozzo
Gruppo montuoso: Cevedale
Sottogruppo: Redival - Boai
Tempo percorrenza: 2.30
Difficoltà: EEA – escursionistico per esperti se si prevede la ferrata alla Punta Albiolo
Dislivello in salita: 720 (compresa la salita alla cima Torrione Albiolo)
N° sentiero SAT: 111
Rifugio o punto di appoggio: Rifugio Bozzi (CAI) e Ristorante Malga Valbiolo


Photogallery

Come raggiungere il Laghetto d’Albiolo superiore


Dal Passo del Tonale si raggiunge l’Ospizio San Bartolomeo e da lì si continua per strada sterrata che in circa 4 km porta alla Malga Valbiolo, posta a 2.244 metri. Lasciata la macchina si percorre l’evidente ripida pista erbosa che sale in direzione nord verso il passo dei Contrabbandieri posto poco sopra un evidente anfiteatro morenico (ore 1,00). L’itinerario, che ora è consigliato solo ad esperti alpinisti, si sviluppa dapprima lungo la creta rocciosa, a destra del passo in direzione nord est. Questo percorso si snoda su sentiero attrezzato ad un intaglio, tra bellissimi scorci panoramici e posto poco sotto la cima del Torrione Albiolo Occidentale. La visione delle cime più alte del gruppo della Presanella (a sud la cima del San Matteo, a nord il Corno dei Tre Signori) allieteranno il nostro cammino. Tra i resti di fortificazioni della Grande Guerra il percorso si fa più impegnativo tra le rocce caratterizzate dalla pregevole presenza della flora alpina di alta quota. Sotto di noi verso ovest l’ampia valle che risale dal paese di Pezzo con il caratteristico villaggio alpino di Case di Viso. Dopo un traverso che ad inizio stagione può presentarsi delicato in presenza di neve, si risale un piccolo diedro roccioso e si perviene ad una forcella posta poco sotto la Punta di Albiolo. Da qui la vista ora spazia proprio sotto i tre laghi posti in una bellissima conca. Sotto di noi verso est si delinea la conca della Val di Montozzo. Poco oltre la vetta si cala in direzione nord est sempre tra trincee e resti di postazioni sino ad proseguire dapprima per sfasciumi e quindi per sentiero attrezzato, che scende lungo lo sperone nord raggiungendo la Forcella di Montozzo (2.613 m ore 3,30). Da qui è possibile, con una interessante deviazione, portarsi verso nord nell’evidente Valle di Montozzo. Si scende quindi per circa 350 m e, lasciato l’evidente sentiero che porta al Lago di Pian Palù, si devia verso sinistra risalendo la costa detritica alla base della Punta di Montozzo. In questa magnifica conca sono presenti ben sei splendidi laghetti alpini. Il più alto è posto a 2.745 m di quota poco sotto la frastagliata cresta dei Denti di Ercavallo. Questa deviazione richiede altre 2 ore (a/r). Dalla forcella si cala per comodo sentiero in direzione ovest verso il Rifugio Bozzi posto a 2.478 m. Poco sotto il rifugio sono presenti altri due bellissimi laghetti alpini: il lago Montozzo Superiore posto a quota 2.461 m e quello inferiore a quota 2.403 m. Dal rifugio, con ripido ed evidente sentiero che passa alla base rocciosa del Torriore Albiolo Occidentale si ritorna al passo Contrabbandieri e attraverso il percorso di salita si ritorna al luogo di partenza (Malga Valbiolo). Tempo complessivo compreso il ritorno e deviazioni ore 7,00.

VARIANTE ALLA SCOPERTA DEI RESTI DELLA GRANDE GUERRA


Arrivati in cima si possono visitare un paio di gallerie e i resti di fortificazioni sull’Albiolo (alcune baracche e trincee diroccate). In alternativa all’ Albiolo, è possibile prendere il sentiero che scende verso Peio e dopo alcune centinaia di metri ci si addentra nella valle del Montozzo (verso nord la vostra sinistra per intenderci) e quella delle Cocchiole (Austriaca: anche qui si trovano alcuni resti di trincee e gallerie), nonché le crestine appena sopra (gallerie e fortificazioni).Comunque salendo su tutte le creste o sellette si vedono insediamenti a testimonianza del passato. Per chi invece si trovasse soddisfatto di ciò che ha visto nei pressi del rifugio e volesse quindi cambiare il sentiero del rientro, può prendere il sentiero che attraversa il villaggio nei pressi del rifugio e proseguire prendendo il sentiero n°2 o strada militare che porta ai laghi di Ercavallo, prendendo poi il sentiero n°59, tramite il quale si arriva al punto di partenza: il parcheggio.


Immagini e testi di Tiziano Mochen

 



social
facebook twitter youtube flickr google+ istagram *


Azienda per il Turismo delle Valli di Sole, Pejo e Rabbi
I - 38027 Malè - TN - P.I: 01850960228 - Tel. +39.0463.901280 - Fax +39.0463.901563 - Privacy & Copyright - Area operatori

facebook twitter youTube flickr google+ instagram