DOLOMITI DI BRENTA
Patrimonio dell’Umanità

Il 26 giugno 2009, a Siviglia, le DOLOMITI hanno ricevuto il riconoscimento di PATRIMONIO NATURALE DELL'UMANITÀ e sono state iscritte nella lista dei Beni naturali dell'UNESCO, grazie alla loro bellezza e unicità paesaggistica e all'importanza scientifica a livello geologico e geomorfologico. Le Dolomiti sono il secondo sito naturale italiano a ricevere l’ambito riconoscimento dell’Unesco dopo le isole Eolie. Il nuovo patrimonio naturale dell’umanità comprende 9 GRUPPI DOLOMITICI per un'estensione complessiva di 142 MILA ETTARI, a cui si aggiungono altri 85 ettari di aree «cuscinetto», per un totale di 231 mila ettari, suddivisi tra 5 province: Trento, Bolzano, Belluno, Pordenone ed Udine.

 

Dolomiti Patrimonio Umanità Val di Sole Trentino Dolomiti,
patrimonio
mondiale
UNESCO

 

LE DOLOMITI DI BRENTA

UNA MERAVIGLIA DI NATURA

Le Dolomiti di Brenta sorgono all’estremità occidentale dell'area dolomitica e si presentano come un'isola di dolomia. Il massiccio ha uno sviluppo nord-sud lungo 40 chilometri ed una larghezza di 12 chilometri. Ha come confini naturali a nord la VAL DI SOLE, ad est la Val di Non, e la Paganella, a sud le Valli Giudicarie, e ad ovest la Valle Rendena. L'intero gruppo del Brenta è compreso nel territorio del PARCO NATURALE ADAMELLO BRENTA. Diversamente da altri gruppi dolomitici, dove tutto è snellezza di linee e plasticità di masse, questa superba dorsale di rocce calcaree e dolomitiche presenta forme maestose ed austere, dove le pareti rocciose culminano in picchi e diedri delle più svariate forme e dimensioni.

 



social
facebook twitter youtube flickr google+ istagram *


Azienda per il Turismo delle Valli di Sole, Peio e Rabbi
I - 38027 Malè - TN - P.I: 01850960228 - Tel. +39.0463.901280 - Fax +39.0463.901563 - Privacy & Copyright - Modello 231 - Area operatori

facebook twitter youTube flickr google+ instagram