Bozzana e Bordiana
Altezza: Bozzana 629 s.l.m. / m.a.s.l. / m ü.d.M., Bordiana 654
Abitanti: Bozzana 120, Bordiana 88
Comune: Caldes   Frazioni: Bozzana e Bordiana - Samoclevo - San Giacomo-Cassana-Tozzaga
Bozzana_01.JPG

È il primo centro abitato che si incontra dopo aver attraversato il ponte di Mostizzolo, che unisce, sopra un alto burrone, la Val di Non e la Val di Sole. Frazione del comune di Caldes, Bozzana, come del resto gli altri paesi delle “Capèle” apparteneva un tempo ecclesiasticamente alla Pieve di Livo.
Si tratta di un centro tradizionalmente vocato all’agricoltura, oggi specialmente alla frutticoltura. Nei secoli passati vi si coltivava pure, come in tutta la bassa Val di Sole, il baco da seta ed un vino locale, il Gropèl. Subito dopo Bozzana, sorge l’abitato di Bordiana, da sempre legato alle vicende del paese vicino. Dedito anch’esso principalmente all’agricoltura e all’allevamento, oggi ha nella coltivazione della mela la propria caratteristica economica principale.

Storia

Gli antichi toponimi prediali Bodetiane (Bozzana) e Burdellana (Bordiana), documentati solo dagli inizi del Duecento, richiamano la remota presenza romana. Dal basso Medioevo agli inizi dell’Ottocento i due nuclei abitati formarono un’unica comunità, che si autogovernava secondo le norme della Carta di Regola approvata nel 1567. Nei piccoli villaggi agricoli si coltivava anche la vite. Ecclesiasticamente facevano parte della Pieve di Livo e dipendevano dalla curazia di Cis. Nel 1747 la cappella di Bozzana, già esistente nel XIV secolo, fu eretta a curazia, mentre già dal 1719 i vicini di Bordiana disponevano di una chiesetta dedicata alla Vergine Annunciata. In età napoleonica (dal 1810) e tra il 1850 e il 1861 Bozzana e Bordiana furono unite, insieme alle frazioni delle “capele”, al comune di Caldes. L’unione definitiva a Caldes risale al 1928.


Arte

Sulla strada che attraversa il paese di Bozzana si affaccia la casa signorile appartenuta alla famiglia Peghini, decorata con fregi e medaglioni. Dopo recenti restauri appaiono nella loro semplicità la chiesa dei Santi Pietro e Paolo di Bozzana e la cappella dell’Annunciata a Bordiana. Del primo edificio ricordato nella seconda metà del Trecento, ma ampliato nel corso del Seicento, si segnalano alcuni affreschi gotici e un altare marmoreo firmato dal maestro marmista roveretano Scanagatta (1895). Il campanile porta la data 1528. La chiesetta di Bordiana conserva due dipinti settecenteschi, un altare in legno dipinto a finto marmo con una scultura lignea del 1897 e le 14 tele della Via Crucis realizzate nel 1759 dalla bottega di Matthias Lamp.


Informazioni

CALDES.jpg

Azienda Turismo Val di Sole
Tel. +39 0463 901280 - Fax +39 0463 901563
info@valdisole.net


*  Pianta del paese

Strutture Bozzana e Bordiana



social
facebook twitter youtube flickr google+ istagram *


Azienda per il Turismo delle Valli di Sole, Peio e Rabbi
I - 38027 Malè - TN - P.I: 01850960228 - Tel. +39.0463.901280 - Fax +39.0463.901563 - Privacy & Copyright - Modello 231 - Area operatori

facebook twitter youTube flickr google+ instagram